Contattaci : +39 06 4817459 | info[@]fidapa.org
Fidapa SOCIAL MEDIA    Twitter    Linkedin

mozione: risposta - refugges and migration women's needs

a cura della Presidente Nazionale Pia Petrucci 

In data odierna 27 luglio 2017, riceviamo la risposta in allegato alla nostra mozione del 17 Maggio 2017

On behalf of Mr Henrik Nielsen, Head of the Asylum Unit Secretariat of the Unit C.3 - Asylum -  European Commission DG HOME Unit C3: Asylum
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

ORIGINALE DELLA RISPOSTA (PDF)

Dear Ms Petrucci,

Thank you for your letter of 17 May addressed to President Juncker on the challenges that the European Union faces in better managing migration, and in particular

the challenges that women face in this particular context. The President has asked me to reply to you personally.

It is clear that no EU country can or should be left alone to address huge migratory pressures. The European Commission's agenda on migration sets out a European

response, combining internal and external policies, making best use of EU agencies and tools, and involving all actors: EU Member States and Institutions, international

organisations, civil society, local authorities and international partners outside the EU. The European Union is working towards a sustainable and coherent approach to migrant protection, return, and reintegration, as well as the concrete implementation of recent global and EU policy priorities. Protecting those in need of international protection, and in particular vulnerable migrant women and children, is a central priority for the EU and the Commission steadfastly supports our Member States' efforts through training, guidance, operational support and funding.

In particular, to achieve the important objective of shaping an integrated, sustainable and holistic EU migration policy, the Commission has proposed to revise the current EU asylum legislation to better manage migration flows and offer adequate protection to those in need, in line with the approach set out in the European Agenda on Migration.

To this end, the Commission presented a first set of proposals on 4th May 2016, to reform the Dublin Regulation and create a fully-fledged European Union Agency for Asylum with expanded tasks and resources. Furthermore, and in order to comprehensively reform the Common European Asylum System, a second set of proposals was presented in July 2016 to replace the Qualification Directive with a Regulation, replace the Asylum Procedures Directive with a Regulation and revise the Reception Conditions Directive ensuring dignified and harmonized reception conditions throughout the Union.

In these legislative instruments the Commission has proposed to strengthen the provisions for vulnerable asylum applicants, including vulnerable women and girls.

This involves more ambitious provisions for assessing vulnerability and an obligation for Member States to take into account the specific needs of female applicants who have experienced gender-based violence. The strengthened provisions also aim to ensure that asylum applicants have access to medical care, legal support, appropriate trauma counselling and psycho-social care. The proposal for the new Asylum Procedures Regulation advocates gender-sensitive procedures for granting international protection.

Women for instance should be given an effective opportunity to have a private interview, separate from their spouse or other family members. Where possible, they should be assisted by female interpreters and female medical practitioners, especially if they may have been a victim of gender-based violence. While improving the living conditions of asylum seekers and refugees in Europe, the Commission is also working together with Member States on establishing more safe and legal pathways to Europe in order to replace dangerous and irregular smuggling routes. More than 16,400 people in need of international protection have already been resettled to the European Union since July 2015 and the EU is well on track to reach its commitment of 22,504 by September 2017.

Beyond that, the European Commission has presented a proposal for an EU Resettlement Framework with the aim of establishing a common European policy on resettlement in the form of a permanent framework with a unified procedure for resettlement across the European Union.

Furthermore, the Commission has decided to launch infringement procedures against those Member States which, in breach of their legal obligations stemming from

the Council Decisions and their commitments to Greece, Italy and other Member States, have not yet pledged to relocate a single person under Council relocation decisions of September 2015.

The EU is also fully committed, through its external action policies, to provide humanitarian assistance and long-term support to refugees and internally displaced

people all over the world. To this end, it works closely with the UN Fligh Commissioner for Refugees and other international partners to contribute to the development of the UN Global compact on Refugees. Furthermore, in 2016, the EU has also launched a Partnership Framework with five priority countries in Africa to combat migrant

smuggling and trafficking and provide assistance to migrants in countries of origin or transit. A total of 42 new programmes worth €587 million were agreed in December

2016 under the EU Trust Fund for Africa, bringing the total number of adopted projects to 106, worth over €1.5 billion.

I hope the above information on the Commission's ongoing efforts to develop a more humane, fair and efficient European asylum policy responds to your concerns.

The priority set by President Juncker that 'Europe needs to manage migration better, in all aspects' is valid now more than ever.

Yours sincerely,

Matthias RUETE

[e-Signed]

Mozione : refugees and migrant women's needs

a cura della FIDAPA BPW Italy in collaborazione di tutte le federazioni europee BPW Europe 

17 Maggio 2017

In data odierna la Presidente Nazionale Pia Petrucci assieme a moltissime altre Associazioni e Federazioni internazionale scive al Presidente della Comunità Europea, al Presidente della Commissione del Parlamento Europeo chiedendo:

Originale della richiesta in PDF

To k.a. of         President of the European Parliament

President of the European Commission

Governments of EU member states

Today, around the world, people are on the move. They are migrating to escape poverty, improve their livelihood and opportunities, or escaping conflict and devastation in their own countries. Women represent almost half of the 244 million migrants and half of the 19.6 million refugees worldwide. 

Yet, refugee and migrant women’s needs, priorities and voices are often missing from policies designed to protect and assist them, despite the creation of the Common European Asylum System.

We call upon world leaders to commit to reassessing their national migration policies. We invite them to explicitly consider and address what migrant women and girls are currently missing. The reward is not just moral or economic—it is a world where we all gain from the energy and cultural diversity through which migrants enrich their new communities. That is a world that offers a greater chance of sustained growth and peace. 

We ask EUROPEAN UNION

 - To recognize forced migration as a European problem;

- to manage the procedures of identification, reception and implementation of social/health measures; the recognition or expulsion of women  migrants staying in appropriate places of access, with organized places coordinated by the European institutions, with the possibility to transfer the migrants in the most appropriate structures within the Union;

- to fully take on the expenses of this management and to make transparent the budget;

- reduce / limit the payment of a monthly allowance to women refugees if they do not guarantee: 1) an actual frequency of courses for the learning of reception language, 2) the acceptance of the principles of the European Constitution, 3) a good conduct, 4) the progress in the path of autonomy and integration in the places of residence; a partial attendance/ frequency to the learning classes may cause a reduction of the daily progressive measures of the allowance paid;

- to improve the efficiency of EURODAC database and of the intelligence system within the European Union; to share among the member states mandatory common guidelines;

- to activate special reception and protection procedures of unaccompanied minor, by foster families and suitable facilities; to avoid unacceptable forms of child labor in European Countries and to guarantee the protection of the rights for all

- to facilitate the payment of a contribution to migrants women who choose the assisted voluntary return in their countries of origin, in exchange for guarantees for effective and durable return process;

- to report to the European Human Rights Court what European countries do not accept the refugee quotas set by the EU, and who closed the borders without respecting the European Convention of Human Rights

- that EU institutions know about the degree of availability of European citizens towards dignified and constructive reception measures of persons fleeing wars and violations of basic human rights, without accepting makeshift solutions, speculations, inefficiency and malpractice related to the management of the migration phenomenon; European citizens ask interventions in countries of origin and transit, an adequate political level to achieve peace and an acceptable standard of living, and reduce the  general proportions of these flows

Pia Petrucci

Presidente FIDAPA BPW Italy 2015-2017

                                                                                                                                     

Mozione : Eliminazione stereotipi di genere

In data 23 settembre è stata presentata la presente mozione al fine di raggiungere traguardi significativi all'eliminazione degli stereotipi di genere



Alla Vice  Presidente del Senato                                           Valeria Fedeli

Alla Presidente della Camera                                                Laura Boldrini

Alla Ministra delle Pari Opportunità                                       Maria Elena Boschi

Alla Ministra dell’Istruzione, Università e Ricerca                      Stefania Giannini

Alla Consigliera Nazionale di Parità                                        Francesca Bagni Cipriani

Al Committee on Equality and Non Discrimination Chair Person - Consiglio d’Europa - On. Elena Centemero

 

MOZIONE SULLA

ELIMINAZIONE DEGLI STEREOTIPI DI GENERE 

  • A seguito del Convegno del Distretto Nord Ovest “LA POTENZA DELL’IMMAGINE: DONNE, STEREOTIPI E TALENTI”, tenutosi a Savona il 10 settembres., organizzato dal Distretto Nord Ovest e dalla Sezione di Savona, che ha prodotto il Piano d’azione per il superamento degli stereotipi di genere

elaborato e sottoscritto da:

Fidapa Bpw Italy, in persona della Presidente Nazionale Pia Petrucci

Fidapa Bpw Italy Distretto Nord Ovest, in persona della Presidente Leda Mantovani

Fidapa Bpw Italy Sezione Di Savona, in persona della Presidente Raffaella Femia

finalizzato alla creazione di un network tra FIDAPA BPW ITALY  e Associazioni, Enti ed Istituzioni, per il perseguimento degli obiettivi in esso prefissati (che si allega in copia);

  • considerato che il tema trattato è risultato di primario  interesse  per tutta la Federazione FIDAPA BPW ITALY, viene formulata e presentata la seguente  mozione:

MOZIONE SULLA

ELIMINAZIONE DEGLI STEREOTIPI DI GENERE

 

OBIETTIVI 

In linea con gli inviti dei suggerimenti degli atti internazionali e della normativa europea, ad implementazione ed integrazione della legislazione statale, si formula istanza per la promozione e l’attuazione di politiche attive e di interventi finalizzati a:

  1. Promozione e raggiungimento della rappresentazione di un’immagine realistica e non stereotipata delle donne nei media e in TV e promozione di modelli di ruolo femminili e maschili positivi;
  2. Interventi di formazione degli operatori della comunicazione riguardanti l’uso di linguaggio e di immagini non sessiste;
  3. Interventi educativi nelle scuole e nei libri di testo, nei metodi di insegnamento, a partire dalle scuole per l’infanzia, anche contro il bullismo e i pregiudizi nei confronti delle persone LGBTI;
  4. Interventi educativi con formazione pedagogica attenta alle questioni di genere per gli insegnanti, affinché possano trasmettere chiaramente quali sono i benefici derivanti dalla parità e da una società variegata;
  5. Politiche per favorire l’entrata delle donne in settori tradizionalmente considerati “maschili”, nei posti decisionali e dirigenziali del settore pubblico e privato, compresi quello delle scienze STEM e delle nuove tecnologie dell’informazione e delle telecomunicazioni e del digitale (TIC) con interventi per l’istruzione delle bambine fin dall’infanzia;
  6. Interventi per l’istruzione in ambito artistico e del design, formale, informale e non formale, delle industrie creative e del settore culturale creando un collegamento tra le materie STEM e i settori economici mediante l’istruzione e le arti, trasformando le STEM in STEAM;
  7. Promozione della parità di genere nello sport, contro gli stereotipi e la violenza, per favorire l’uguaglianza tra i professionisti dello sport e per promuovere lo sport femminile e adozione della Carta Europea dei diritti delle donne nello sport;
  8. Promozione dei diritti umani e delle libertà fondamentali per tutte le persone con disabilità senza discriminazioni di alcun tipo sulla base della disabilità e del genere;
  9. Proposte per una legislazione in materia di sessismo e stereotipi di genere nell’istruzione (scuola e libri di testo), nel campo occupazionale, nel campo sociale e sanitario, nei mezzi di comunicazione (media e TV), nel campo digitale, nell’industria degli hobby e dei giocattoli;
  10. Proposte per il riequilibrio delle responsabilità tra uomini e donne nella sfera pubblica e privata “Work Life Balance” che concili la vita personale con quella professionale sia dei lavoratori che delle lavoratrici, fornendo accesso a servizi a costi contenuti e di qualità per la cura dell’infanzia e per l’assistenza ad anziani e ad altre persone a carico per assicurare lequa partecipazione degli uomini e delle donne al mercato del lavoro, allistruzione e alla formazione, all’insegna dell’affermazione delle pari opportunità;
  11. Accrescere la partecipazione e l’accesso delle donne all’espressione e ai processi decisionali all’interno e attraverso i media e le nuove tecnologie di comunica

Considerato che

  • dal Convegno FIDAPA BPW ITALY DISTRETTO NORD OVEST  E SEZIONE DI SAVONA del 10 settembre 2016 è emersa la necessità di un forte impegno per promuovere un nuovo corso nella narrazione della realtà delle donne, garantendo l’inserimento della parità di genere e dei diritti delle donne in tutti gli accordi di partenariato e in tutti i negoziati con i paesi terzi e che la normativa europea invita a sfruttare appieno il programma “Europa per i cittadini” per rivolgersi in modo specifico alle associazioni femminili e alle organizzazioni della società civile che operano in ambiti relativi alla digitalizzazione e alle TIC, allo scopo di migliorare le condizioni della partecipazione civica e democratica delle donne;
  • -il tema trattato  è risultato di primario  interesse  per tutta la Federazione FIDAPA BPW ITALY;

si formula espressa istanza affinchè

in merito alla comunicazioni, pubblicità e media

  • l’offerta radiotelevisiva si realizzi attraverso “trasmissioni in grado di valorizzare i diversi ruoli che le donne svolgono nella società”, e che dia corso ad un impiego più rispettoso dell’immagine femminile in TV;
  • la TV e i media si impegnino a restituire nei loro programmi una realtà femminile fatta di modelli positivi e di figure eccellenti di riferimento, che parlino di donne che si sono affermate e realizzate grazie allo studio e al lavoro;
  • che si elimino gli stereotipi di genere che impediscono di raccontare la vera realtà delle donne, il loro vero valore e potenziale.
  • che si facciano emergere i talenti delle donne , inserendole tra gli esperti che a vario titolo vengono chiamati a parlare nei dibattiti televisivi;
  • che si applichi un uso rispettoso dell’immagine femminile e del corpo delle donne;
  • che si crei una Authority di controllo a livello Nazionale.

in merito all’istruzione e formazione

sul presupposto della necessità di un “cambio di cultura”, ritenendo necessaria una battaglia culturale contro gli stereotipi che deve partire dai banchi di scuola, introdurre leducazione di genere nelle attività e nei materiali didattici delle scuole e delle università:

  • avviare un progetto di “Scuola contro gli stereotipi”;
  • inserire nei programmi scolastici i principi dell’educazione alla parità e della pedagogia di genere (della differenza e del rispetto);
  • intervenire sui testi scolastici, eliminando gli stereotipi di genere e prevedendo la “Storiografia di genere”: le grandi donne della storia, della scienza, delle arti;
  • promuovere il linguaggio di genere: veicolo di cultura che trasmette gli stereotipi e che nascondendo il femminile nasconde la differenza;
  • introdurre e favorire un impegno educativo a scuola, in famiglia e nella società, attraverso un’educazione improntata all’etica ed al rispetto della persona e dei diritti fondamentali.

in merito alla emancipazione in campo digitale

  • nell’ambito delle iniziative e strategie per attuazione delle prescrizioni dell’Agenda digitale europea, nei prossimi anni si preveda l’inclusione di politiche attive per incoraggiare le donne ad abbracciare carriere soprattutto in settori come quello delle scienze e delle nuove tecnologie, al fine di sfruttare appieno il capitale umano rappresentato dalle donne europee, in particolare nel campo della tecnologia dell’informazione e delle telecomunicazioni (TIC) e delle STEM; incentivare l’accesso alle donne nel campo digitale, anche per favorire una maggiore partecipazione alla vita democratica; creare un collegamento tra le materie STEM e i settori economici mediante l’istruzione e le arti, trasformando le STEM in STEAM; attuare il “Code of Best Practices for Women and ICT” (codice di buone pratiche per le donne e le TIC); accogliere con favore la creazione di una “Grande coalizione per l’occupazione nel digitale” a livello europeo ed esorta le aziende coinvolte a rivolgere particolare attenzione alla garanzia di pari opportunità di assunzione e di carriera per le donne nel settore delle TIC e dei nuovi media; proporre una legislazione in materia di sessismo e stereotipi di genere nell’istruzione e nei mezzi di comunicazione, coerente ed integrata nel contesto della rifusione della direttiva sulla parità di trattamento

in merito al settore familiare in conciliazione con la vita professionale e lavorativa

  • interventi mirati a ripristinare il Work Life Balance, considerando che il lavoro domestico, di cura e di assistenza ai bambini, agli anziani e ad altre persone a carico, non remunerato è svolto molto più spesso dalle donne, alle quali resta pertanto meno tempo a disposizione per intraprendere un’attività lavorativa retribuita, il che le porta a percepire una pensione considerevolmente più bassa, ragion per cui la conciliazione tra vita professionale e familiare (anche per contribuire al conseguimento degli obiettivi della strategia Europa 2020) dovrebbe essere sostenuta da provvedimenti concreti, prevedendo in particolare un maggiore coinvolgimento degli uomini.

Con ossequio

FIDAPA BPW ITALY, in persona della Presidente Nazionale Pia Petrucci                                                                                                                                   

 Documento PDF firmato e inviato alle parti coinvolte

Roma, 23 settembre 2016

FIDAPA BPW Italy

La FIDAPA BPW Italy (Federazione Italiana Donne Arti Professioni e Affari) è un’associazione composta, in Italia  da circa 11.000 Socie  ed appartiene  alla Federazione Internazionale IFBPW (International Federation of Business and Professional Women) 

Contattaci

info (@) fidapa.org
  +39 06 4817459
  +39 06 4817385
 Via Piemonte 32, 00187 Roma

Ultime Notizie

28
Set2017

Premio Nazionale Eccellenze - Premiazione...

a cura di Marina Corazziari Resp. Organizzativa Premio Nazionale Eccellenze e Autrice della Scultura Premio Vittoria Alata   PREMIO...

19
Set2017

XXXI Congresso Nazionale

Roma, 19 settembre 2017   Ci stiamo avvicinando alle date del nostro XXXI Congresso Nazionale. Quasi 600 iscritte da...

08
Ago2017

Premio Nazionale Eccellenze FIDAPA BPW...

abbiamo appena pubblicato i nominativi delle vincitrici del Premio Nazionale ECCELLENZE FIDAPA BPW ITALY 2017. Menzioni Speciali leggi tutto...

27
Lug2017

La creatività femminile, la cultura...

a cura della Segretaria Nazionale Fidapa BPW Italy 2015-2017 Maria Concetta Oliveri A seguito delle consultazioni effettuate,...

25
Lug2017

Progetti futuri di collaborazione per...

a cura di Fiorella Ialongo - socia FIDAPA BPW Italy Sez. Roma Campidoglio, giornalista, docente universitaria Roma, 10...

23
Giu2017

XXXI Congresso Nazionale Save the...

SAVE THE DATE22-24 Settembre 2017A. Roma LifeStyle Hotel   Il prossimo congresso nazionale, si terrà a Roma nei giorni...

22
Mag2017

desitina il 5x1000 a FIDAPA...

a cura della Presidente della Fondazione FIDAPA Onlus - Maria Candida Elia Felice dei risultati che siamo riuscite...

17
Mag2017

Creativity Camp - Fase Nazionale

Creativity Camp 12 - 13 - 14 Maggio - Roma presso l'All Time Relais Sport...

14
Apr2017

Pace e Serenità

A nome della Presidente Nazionale Pia Petrucci e di tutto il Comitato di Presidenza Nazionale, auguri di...

27
Mar2017

Save the date: La salute...

il 24 Aprile, in occasione della giornata nazionale della salute della donna, si terrà a Milano, presso...

07
Mar2017

lottosempreperinostridiritti

a cura del comitato FIDAPA BPW Italy ad hoc per la comunicazione La FIDAPA BPW Italy invita...

06
Mar2017

Side Event CSW61 - Is...

a cura di Bettina Giordani - referente nazionale comitato ad hoc per la comunicazione L'evento è al completo....

28
Feb2017

Creativity Camp: prorogata al 20...

a cura del comitato organizzatore FIDAPA BPW Italy Il Creativity Camp proroga la data della consegna dei...

24
Gen2017

Leadership al femminile e formazione...

a cura di Elisabetta Gregoric Componente Task Force Europea Life Long Learning   PREFAZIONE Dal 1 al 3 aprile 2016 si...

21
Gen2017

Solidarietà

21 gennaio 2017 Il comitato di Presidenza Nazionale è vicino a tutte le Amiche dei Distretti Centro e...

05
Gen2017

Pia Petrucci : Pronte ad...

a cura della Presidente Nazionale Pia Petrucci  Roma 5 Ottobre 2017  Carissime Presidenti, Carissime Socie,                          un sincero ed affettuoso...

05
Gen2017

Impegni Internazionali e strumenti contro...

a cura di Fiorella Ialongo  La BPW International è tra le pochissime realtà della società civile ad avere lo...

14
Dic2016

Auguri di Natale e Felice...

Carissime Socie, Amiche, il comitato di Presidenza Nazionale, augura a tutte e tutti, giorni di festa pieni di una...

05
Dic2016

Presentazione Vademecum Capire per...

a cura di Fiorella Ialongo - giornalista e adetta stampa sezione FIDAPA BPW Italy - Roma Campidoglio Roma...

30
Nov2016

Il concorso per lo sviluppo...

La FIDAPA BPW Italy lancia il concorso del Creativity Camp in tutta Italia . Hai un'idea imprenditoriale? Quali...

«
»